Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

I saperi della legalità: incontro con Raffaele Cantone

Il 5 Giugno 2014 Don Luigi Ciotti, presidente e fondatore di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le Mafie“, inaugurò la prima edicola pisana confiscata alle Mafie, che si trova in Borgo Stretto, accanto alla Chiesa di S. Michele.

20150605_104347

L’edicola “I saperi della legalità” in Borgo Stretto

Lo scorso venerdì 5 Giugno, in occasione del primo anniversario dell’inaugurazione de “I saperi della Legalità” – questo il nome dell’edicola –, è venuto a Pisa Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Nazionale AntiCorruzione, per tenere una discussione aperta al pubblico con il professor Alberto Vannucci, direttore del Master in analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione presso l’Università di Pisa.

Segue il testo scritto delle brevi interviste che ho realizzato con Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, Fabrizio Tognoni, referente di Libera per la provincia di Pisa, e Raffaele Cantone.

Signor sindaco, che cosa dovrebbe rappresentare secondo lei “I saperi della Legalità” per le migliaia di persone che ogni giorno passano per Borgo Stretto?

In primo luogo la testimonianza di un rischio che incombe anche sui territori che pure non sono dominati dalle Mafie come le regioni da cui il fenomeno è sorto ed è quindi più radicato. In questo caso si trattava di una propaggine fortunatamente esile, però essa è la dimostrazione che i tentacoli della criminalità organizzata sono lunghi e insidiosi. Ma questa edicola dovrebbe rappresentare anche la capacità di risposta alle Mafie da parte sia della magistratura e delle forze dell’ordine, che della società civile, la quale ha fatto de “I saperi della Legalità” in un punto di riferimento.

È molto importante che oggi ci sia anche Raffaele Cantone, perché corruzione e criminalità organizzata hanno un legame molto forte: laddove le Mafie s’infiltrano nella politica, truccando gli appalti e più in generale influenzando i poteri pubblici – vedi il caso “Mafia capitale” –, diventa molto difficile combatterle, dal momento che esse hanno una disponibilità di capitali da investire praticamente illimitata, o comunque non paragonabile a quella di uno Stato in crisi economica.

20150605_104302

Da sinistra Marco Filippeschi, Fabrizio Tognoni e Raffaele Cantone

Le Mafie sono molti forti, e noi Toscani dobbiamo essere consapevoli che anche nella nostra regione e, in particolare, in città vitali come Pisa, sono proprio le molte possibilità di investimento a rendere la malavita interessata a investire qui capitali sporchi. Dobbiamo tenere la guardia alta e riuscire ad anticipare queste penetrazioni, perché un eventuale radicamento delle Mafie creerebbe in Toscana situazioni simili a quelle di Lombardia, Piemonte e Liguria, dove alcuni comuni sono stati sciolti per Mafia.

Fabrizio Tognoni, referente di Libera per la provincia di Pisa, che cosa ha significato per la vostra associazione l’inaugurazione di quest’edicola?

Come dissi esattamente un anno fa, il 5 Giugno 2014, giorno dell’inaugurazione, per noi quest’edicola è, da un lato, un simbolo di contraddizione e di denuncia, dall’altro, di speranza e di riscatto.

Essa infatti denuncia la presenza delle Mafie anche nella nostra città, come testimoniano anche altri esercizi commerciali pisani sequestrati alle Mafie nel corso del 2014; “I saperi della Legalità” rappresenta quindi anche una contraddizione: sono ancora in troppi, perfino tra i membri dell’amministrazione regionale, a sottovalutare l’entità del fenomeno mafioso in Toscana e ad accusare Libera di allarmismo. Ma tutti loro sono stati smentiti dalla presenza di un’edicola controllata dalle Mafie nel centro storico di Pisa, e lo saranno ancora nei prossimi mesi: sono in arrivo nella nostra regione decine di ordini di sequestro, purtroppo. Chiaramente non lo dico con soddisfazione, ma questa è la realtà con cui siamo chiamati a confrontarci.

Al contempo “I saperi della Legalità” è un segno di riscatto di una società responsabile che combatte le Mafie, ed è perciò anche un segno di speranza: unendo le forze migliori della società con la parte sana delle istituzioni è possibile dotarsi degli anticorpi necessari a espellere definitivamente le Mafie dal nostro territorio e a purificare quest’ultimo dai fenomeni corruttivi.

20150605_104425

L’edicola gremita di persone in attesa dell’arrivo del presidente Cantone

Presidente Cantone, nei giorni scorsi lei ha definito la vicenda della lista degli impresentabili un “grave passo falso”. Con questa espressione alludeva a un errore commesso da Rosy Bindi nella resa pubblica della lista, in qualità di relatrice della Commissione Antimafia, o dalla Commissione stessa nella redazione della lista, oppure dal parlamento, nella decisione di istituire la Commissione?

Io ho cercato di fare un ragionamento complesso, che poi i giornali hanno sintetizzato.

Non stavo criticando Rosy Bindi come persona, ma semplicemente esprimevo un’opinione: io credo che sia sbagliato che una lista di impresentabili sia stilata secondo un codice etico stabilito da una commissione parlamentare. Io la penso così. La materia in questione è già regolata, perché esistono leggi sull’eleggibilità; poi ci sono i codici etici dei partiti, che devono raccogliere norme molto rigorose. Al di fuori di queste due categorie c’è solo la responsabilità politica di chi sceglie certi candidati.

Il rischio che si corre affidando a una commissione parlamentare la compilazione di una lista di impresentabili, sebbene sulla base di atti formali come i rinvii a giudizio, è che non vengano segnalati i veri impresentabili. Una lista del genere può non esaurire i casi di impresentabilità.

Comunque sono convinto che la Commissione Antimafia abbia lavorato animata dalle migliori intenzioni, e che la questione sia opinabile. Ciascuno è libero di pensarla come preferisce.

Ringrazio Marco Filippeschi, Fabrizio Tognoni e Raffaele Cantone

Gabriele Flamigni per Radioeco

post di questa categoria

Pixel 45 giri

45 giri in Gipsoteca &...

45 giri in Gipsoteca – serata conclusiva

"il cervello e la mente" - conferenza divulgativa @Gipsoteca Unipi

Il cervello e la mente...

Il cervello e la mente – intervista ad Alberto Del Guerra

Pixel a 45 giri - Gipsoteca di Arte Antica dell'Università di Pisa

Pixel a 45 giri –...

Pixel a 45 giri – Gipsoteca di Arte Antica #Unipi

20170515_172452

Da Cassino ad Hollywoo...

Da Cassino ad Hollywood, la presentazione

ultimi post caricati

764d0be37628ec0b028eeaf030cc7aab

Steamcon 2017, lo Stea...

Steamcon 2017, lo Steampunk a Pisa

ATP (8)

eventi della settimana...

eventi della settimana – atp #85: Arno Vivo, Pistoia blues e Firenze rocks

erew

Kinzica Fantasy prima ...

Kinzica Fantasy prima edizione

Copy of Copy of ON POINT (5)

Radiohead, Populous &#...

Radiohead, Populous & More | Demography #210

Commenti