Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Seeyousound Day 3 : da Iggy Pop a Chet Baker

Siamo stati alla terza giornata del Festival torinese sbarcato finalmanete anche a Pisa: il Seeyousound.

Joshua Tree,California,2015. Parte da qui il terzo viaggio di Seeyousound.
Seduti su una poltrona del Cinema Arsenale, la rassegna cinemusicale apre la sua terza giornata di programmazione con “American Valhalla” il docufilm su “Pop Pop Depression” ultimo album del signore del punk mr Iggy Pop.
Giunto all’età di 68 anni, il signor Osterberg, in arte Iggy Pop, crede di poter appendere i pantaloni di pelle al chiodo e indossare finalmente una graziosa vestaglia da camera, ignaro del fatto che intonare i versi leggeri di Jacque Brel, può allontanarlo ben poco dalla sua umica calamita: il palcoscenico.

7FBCC400-F072-4B1F-BEBF-39869E77B4AD
Nasce così l’intenzione di un nuovo progetto lontano dal suono che Mr Pop si porta dietro dagli Stooges e che trova le mani,le tasche e soprattutto la dedizione di Josh Homme, leader  di The Queens of the Stone Age.
Così, con poche tracce nelle orecchie, i due si chiudono a Rancho de La Luna, studio di registrazione circondato dal deserto, insieme a Dean Fertita e Matt Helders , quest’ultimo batterista degli Arctic Monkeys, per comporre in una “umidiccia sensibilità” quello che sarebbe dovuto essere il testamento alla carriera dell’autore di “The Passenger”

D1E6113D-AAEE-425C-ACDE-2FEDEF823EE5
La morte di David Bowie, i tramonti in mezzo al deserto, la sensazione di vuoto che sopraggiunge alla fine di ogni concerto, accompagnano la domanda cardine del film: dove è il Valhalla ? Chi sarà degno del luogo dei beati?
Di sicuro il film ci lascia carichi di energia come se fossimo stati tra il pubblico del Royal Albert Hall durante una data del tour, ma con una più profonda nota di intimità e depressione immaginando anche noi di fare parte della fine del Pop.

6BF34258-9538-4E92-9425-18D4D1B52E5B

Salto spazio temporale e il Seeyousound ci trascina per la seconda programmazione della terza giornata di festival, all’interno del Birdland di New York alla fine degli anni ‘60, dove vediamo il declino e la tentata rinascita del jazzista più conosciuto dai non jazzisti : Chet Baker.

Ad introdurre il film “Born to be Blue“, un maestro del jazz : Marco Bartalini, trombettista di fama nazionale che ha collaborato con nomi del calibro di Paolo fresu, Stefano bollani, enrico rava, Andrea bocelli e molti altri. Insieme a lui Andrea Pellegrini al pianoforte e Nino Pellegrini al contrabbasso hanno deliziato il pubblico spettatore di un’apertura musicale che ha ripercorso brani celebri del repertorio di Chet Baker: il celebre blues Visa, Tenderly, e Bernie’s tune.
seeyousound

Introduzione a dir poco perfetta per godersi poi la storia dell’uomo bianco che è riuscito a tenere testa ad un mondo quasi esclusivista di jazzisti di colore:
Hello Dizzy, hello Miles, there’s a little white cat from the west coast gonna eat you up”.

Un film incentrato molto sulla dipendenza da eroina di Chet Baker, forse troppo, ma che non può sminuire o ridurre il talento indiscusso del grande uomo che porta il suo nome.

B1AF3216-963E-4332-9CE3-2BD93E83167A

Film emozionante che parla d’amore attraverso gli occhi di chi al tramontare della propria vita sceglie sempre l’amore per la musica,scelta agrodolce come la sua Funny Valentine.

 

Eleonora Esposito per RadioEco

post di questa categoria

Davide Petrella

Il lunapark musicale d...

Il lunapark musicale di Davide Petrella

am music

A tutta musica: tre me...

A tutta musica: tre mesi di Amazon music a 0,99€ – Tutto il tech della settimana #2

collisions

Collisions live per Ro...

Collisions live per Ronzii Festival @Lumiere, Pisa

Maisha

Maisha, Mulai, Gimlii ...

Maisha, Mulai, Gimlii | Demography #305

ultimi post caricati

4362142973_41e74dbc81_b

Aggiornare il corso di...

Aggiornare il corso di comunicazione L-20? Capiamo la nuova proposta

foto di Cinema Arsenale

“Il ragazzo più...

“Il ragazzo più felice del mondo” – Intervista a Gipi

naip

NAIP + Baby Dee @Lumie...

NAIP + Baby Dee @Lumiere [ report e intervista ]

palazzo-blu

Palazzo Blu compie 10 ...

Palazzo Blu compie 10 anni: aperture serali, dialoghi d’arte e musica in città

Commenti