Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Sia – Angelo Sicurella – Nada – Demography #92

Scacciando l’intontimento del lunedì mattina post vacanze Demography ascolta tre (o forse anche più) brani, dall’ultimo singolo di Sia al nuovo progetto elettro-blues di Angelo Sicurella per concludere con il brano di Nada. No Demo no monday.

Quando il pop sembra esaurirsi e dilatarsi Sia Furler  torna nel tentativo di risollevarlo con un nuovo singolo che anticipa l’uscita di This is acting previsto per il 29 gennaio.  Il countdown è cominciato già il 5 novembre con il primo singolo Alive, ora lancia una nuova bomba al vertice del pop e della frivolezza co-scritta e co-prodotta con Mr Kardashian Kaney West (impegnato nel frattempo nei suoi G.O.O.D Fridays in preparazione all’uscita del suo ultimo Lp SWISH, ultima chicca? Real Friends) parliamo di Reaper.
Sia - SXSW 2008 Il brano in sé e per sé riprende uno dei grandi temi ricorrenti (per non dire ormai logori) delle pop star contemporanee e di Sia stessa, si parla di rinascita, si parla di rivalsa da un fondo di disperazione per poi alzarsi e brillare, se però in 1000 Forms of Fear (2014) proponeva un prodotto completo, intenso e soprattutto impeccabilmente prodotto con collaborazioni importanti (e intelligenti dal punto di vista mediatico come Diplo e The Weeknd). A questo giro il brano stupisce fino ad un certo punto. Anche se il titolo è all’apice dell’originalità e per altro (dio solo sa perchè) la musicalità della parola mi ricorda il romanzo The Catcher in the Rye di Salinger lo stesso non si può dire né del testo e tanto meno del sound: scontato, già sentito (Sia..Fire meet Gasoline?), adagiato sugli allori da due personalità trend del 2015 ma che senza troppa sostanza portano ugualmente a casa il risultato. Certo fanno parlare, certo fanno girare l’economia, ma sicuramente non impressionano. Ci aspettiamo molto di più da Sia, ci aspettiamo non la semplice orecchiabilità, vogliamo il disturbo ossessivo e la dipendenza, ma lo vogliamo diverso da prima. Lo vogliamo strano.

Angelo Sicurella cantante degli Omosumo esordisce come solista con Orfani per desiderio mescolando un buon quantitativo di base di elettronica che si compone perfettamente con una vena blues quasi gospel. Canta di un problema internazionale e nello specifico italiano, l’album infatti è stata la naturale conseguenza della strage dell’ottobre 2013 ai piedi dell’Isola dei Conigli di Lampedusa, gli orfani per desiderio appunto, l’eterno viaggio dei migranti, le speranze, gli amori le aspettative, le tragedie, tutte cullate da una voce cupa, arida, venata da un sound che profuma di anni 80. Intenso e soprattutto prodotto senza lasciare nulla al caso.

A pochi giorni dall’uscita del suo nuovo Lp L’amore devi seguirlo Nada rilascia La canzone dell’amore. Esatto, un sacco di sentimenti nel nuovo album dell’artista toscana. Sicuramente bisogna ascoltare la traccia senza lasciarsi influenzare non solo dalla storia di chi la canta ma anche dalla storia della composizione della canzone stessa, Nada infatti rivela nel comunicato stampa di aver buttato giù il testo in seguito ad un incontro con l’associazione Cesvot di Firenze che aiuta ragazzi disabili, il brano è dunque il risultato di quest’incontro.
SiaAndando aldilà della storia della traccia che può sicuramente commuovere, nello specifico non è una grande svolta, Nada è una delle poche artiste che ancora dimostra con i fatti quanto la professionalità acquisita con anni di esperienza, sacrifici, scontri, incontri faccia seriamente la differenza, ma non in questo brano. Nonostante il tentativo dell’artista di aggiornare costantemente il suo sound, il modo di esprimersi e l’approccio con il pubblico che inevitabilmente negli anni cambia in questa ultima uscita presenta sicuramente un accattivante e soprattutto orecchiabile brano ma niente più di questo. Aldilà dell’esperienza vera di una Nada che scrive il brano durante una sorta di dibattito sull’amore con ragazzi disabili, aldilà di questo e concentrandosi esclusivamente sull’ascolto in cuffia non c’è sorpresa, c’è un bel brano che però non rimane troppo ancorato. Forse per assurdo la cosa più bella non è l’amore, ma il video.

post di questa categoria

Musica W 2017 - Manifesto

Musica W Festival 2017...

Musica W Festival 2017 – TUTTE LE INFO

ATP (16)

eventi in Toscana: Mus...

eventi in Toscana: Music W Festival e non solo | ATP #91

Copy of Copy of ON POINT (9)

Demography #218 –...

Demography #218 – Mixtape | Da Actress a Clap! Clap!

ON POINT (10)

Demography #217 –...

Demography #217 – mixtape | Ninja Tune & More

ultimi post caricati

ATP (17)

eventi in Toscana week...

eventi in Toscana weekend: Pollege Festival e altro ancora | ATP #92

ATP (13)

eventi in toscana: Dj ...

eventi in toscana: Dj Gruff feat. Gianluca Petrella e tanto altro| atp #89

Dipartimento di Giurisprudenza Unipi

Giurisprudenza cambia ...

Giurisprudenza cambia verso: variano distribuzione esami e tirocinio

daground

DAGROUND 2k17 – ...

DAGROUND 2k17 – Interviste dal campo

Commenti