Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Snoop Dogg + Marcus Miller – Lucca Summer Festival

Snoop Dogg e Marcus Miller animano Piazza Napoleone per la serata conclusiva del Lucca Summer Festival.


Snoop Dogg
è un rapper atipico. Uno che non alza mai la voce, non perde mai la calma, un tipo sornione. Uno che quando canta (o meglio, rappa) lo fa quasi con indolenza, la butta via, non ci si prodiga più di tanto. Perché lui è Snoop D with the double G, niente da aggiungere.Era ancora un giovane spacciatore quando Dr. Dre lo notò e vide subito in lui del talento. Lo ha portato in studio, lo ha sgrezzato (quel poco che bastava) e gli ha mostrato come si guadagna con il rap (Doggystyle, 1993). Snoop ha capito e imparato l’arte del mestiere, e nel prosieguo della carriera ha sempre dato prova di essere un abile businessman ancor prima di semplice entertainer.

FullSizeRender 4Limitandoci alla dimensione live, al Lucca Summer Festival abbiamo assistito ad un’esibizione divertente, scanzonata, ma abbastanza risicata. In 59 minuti ha condensato una serie di successi a metà tra il greatest hits e il revival ’90, in cui ha mescolato celebri featuring (P.I.M.P., Nothing But a G Thang, Signs, Drop It Like It’s Hot – sono già passati più di dieci anni, sì) a successi più recenti come California Gurls, So Many Pros e Young, Wild & Free in versione ballad, con cui ha concluso il set, prima dell’immancabile omaggio al totem Bob Marley con Jammin’ che ha accompagnato l’uscita di scena di tutta la band. La scaletta corre velocissima impreziosita anche da amarcord come Who Am I?, Pump Pump e classiche cover da festa tipo I Love Rock’n’Roll e Jump Around (ripetuta in tre momenti diversi).
Da buon feticista delle t-shirt, Snoop Dogg si presenta con la maglia del Milan, accompagnato da due ballerine bootylicious che lo marcano stretto per tutto il live, mentre alle loro spalle scorrono grafiche anni ’90 che, viste oggi, fanno quasi tenerezza per come sembravano all’avanguardia ai tempi di Tha Doggfather. Sono brutte, superate, anacronistiche se vogliamo, ma non stonano con il resto dello show proposto dal rapper di Long Beach. Contribuiscono a far provare quella magia di tornare indietro nel tempo, di riavvolgere il nastro dell’adolescenza, di farci riscoprire il brivido che provavamo nel giocare con le prime consolle.
Come già detto, la durata di un’ora scarsa lascia un po’ di amaro in bocca, come anche la scenografia scarna, che non riempie gli occhi come ci si sarebbe aspettati da chi ha fatto dell’opulenza ostentata un marchio di fabbrica.

917403

tiscali.it

Di tutt’altro genere, musicale e non, è stata l’esibizione che ha preceduto Snoop Dogg, ovvero quella di Marcus Miller. Universalmente riconosciuto come maestro del funk, innovatore nonché fonte di ispirazione per moltissimi bassisti, attualmente è in tour per promuovere Afrodeezia, il suo ultimo disco (commissionato dall’Unesco) ispirato al percorso dei suoi antenati africani. Sul palco gestisce abilmente la band composta interamente da musicisti espertissimi, su tutti il percussionista Mino Cinelu, con cui collaborò anche durante la registrazione di Tutu di Miles Davis. Miller trasporta il pubblico in un groove continuo di jazz, fusion e funk, impreziosito da virtuosismi magici mai gratuiti ma sempre al servizio della Musica. Infatti uno dei grandi meriti di Marcus Miller è quello di saper produrre dell’ottimo materiale per intenditori ma godibile anche per un pubblico meno esperto; usare le sue enormi doti di musicista per sensibilizzare più persone possibili, senza mai cadere nella banalità.

Riflettendoci, è stata la serata degli opposti: Snoop Dogg & Marcus Miller, abilità di eloquio & abilità tecnica. Due modi diversi di vedere il mondo, ma con un unico scopo: divertirsi.

post di questa categoria

ATP (8)

eventi della settimana...

eventi della settimana – atp #85: Arno Vivo, Pistoia blues e Firenze rocks

erew

Kinzica Fantasy prima ...

Kinzica Fantasy prima edizione

Presentazione "Da Cassino ad Hollywood" - Promovie (foto @Promovie)

Cos’è Promovie?...

Cos’è Promovie? – “Da Cassino ad Hollywood” @LaFeltrinelli

Pixel 45 giri

45 giri in Gipsoteca &...

45 giri in Gipsoteca – serata conclusiva

ultimi post caricati

Copy of Copy of ON POINT (5)

Radiohead, Populous &#...

Radiohead, Populous & More | Demography #210

pantesca

Insalata Pantesca

Insalata Pantesca

radiohead oknotok

Radiohead, “OKNO...

Radiohead, “OKNOTOK” – Artwork della Domenica

19114432_10213009211735700_297708183_n

Pasta-O-Matic : La pas...

Pasta-O-Matic : La pasta in barattolo!

Commenti