Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Sondaggisti o astrologi? Il ruolo sociale delle ricerche nel raccontare la politica – #ijf17

Dopo la vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti e quella del “leave” con la Brexit, il lavoro dei sondaggisti è stato aspramente criticato e le più grandi agenzie di statistica hanno subìto una grave perdita di credibilità. La colpa è dei giornalisti o della statistica?

Dino Amenduni ha moderato, presso la Sala del Dottorato di Perugia, un evento riguardante il complesso mondo della statistica in ambito politico: gli ospiti presenti erano Ben Page CEO Ipsos Mori, Nando Pagnoncelli presidente di Ipsos Italia, e Paola Tommasi segretaria tecnica di Forza Italia.
Nando Pagnoncelli chiarisce fin da subito come il caso Trump e quello Brexit siano molto particolari: questi vedono i sondaggi sbagliare di pochi punti percentuali, inesattezze dovute al fenomeno della “forchetta”, ovvero un errore di previsione che oscilla tra il 3% e il 5%, proprio il distacco percepito a seguito dei turni elettorali in entrambi i casi.

Sondaggisti o astrologi? Il ruolo sociale delle ricerche nel raccontare la politica - #ijf17

Sondaggisti o astrologi? Il ruolo sociale delle ricerche nel raccontare la politica – #ijf17

Ben Page non tarda a precisare che il caso Brexit è stato preso subito in analisi dalle agenzie: in altre elezioni, il comportamento degli elettori è stato molto più coerente e preciso e questo ha reso più facile creare una previsione, mentre per il caso dello scorso giugno è stato molto più difficile apprendere le informazioni dagli elettori per via del disinteresse comune per la politica.
Nando Pagnoncelli ha presentato, utilizzando una serie di slide, quella che è la situazione attuale tra giornalisti e sondaggisti, due mondi completamente diversi che spesso si scontrano: negli ultimi anni alcune testate giornalistiche hanno utilizzato rappresentazioni grafiche di sondaggi di dubbia origine, spesso sbagliati e interpretati male dai giornalisti. È una questione di responsabilità comune da parte di giornali e agenzie demoscopiche interagire e permettere al lettore di avere dati chiari anche se non certi, poiché, secondo Ben Page, è impossibile avere la certezza in una previsione, non sussiste mai il famigerato 100%, ma è fondamentale far capire come i sondaggi vengano costruiti e poi pubblicati.
Un’analisi statistica per le previsioni è costituita da diversi fattori: le informazioni recepite dai campioni scelti dalle agenzie, dalle telefonate, mail e messaggi diretti tra cittadini e agenzie e infine, in ruolo minore, le informazioni percepite attraverso i social network.

Poco prima dell’inizio della discussione, Nando Pagnoncelli spiega con precisione alcuni meccanismi e Dino Ameundi invece approfondisce l’attuale situazione.

Giammario Spada per RadioEco

post di questa categoria

Avanguardia

Quando i film d’...

Quando i film d’avanguardia diventano esperienze sensoriali.

lu

Il Cavaliere di Eron a...

Il Cavaliere di Eron al PBF NerdEco #45

Vapors of Morphine (20)

Vapors of Morphine @ L...

Vapors of Morphine @ Lumiere [ report ]

09-10-11 (40)

Offset fest2018 previe...

Offset fest2018 preview: Pilia+Pupillo◉╋◑ e Sax Ruins at Lumiere Pisa.

ultimi post caricati

Davide Petrella

Il lunapark musicale d...

Il lunapark musicale di Davide Petrella

am music

A tutta musica: tre me...

A tutta musica: tre mesi di Amazon music a 0,99€ – Tutto il tech della settimana #2

collisions

Collisions live per Ro...

Collisions live per Ronzii Festival @Lumiere, Pisa

Maisha

Maisha, Mulai, Gimlii ...

Maisha, Mulai, Gimlii | Demography #305

Commenti