Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

SPORT: Due partite lunghe due mesi

“MILAN-JUVE, FIORENTINA-LECCE…DUE PARTITE LUGHE DUE MESI”

 

La scorsa settimana avevo preannunciato che il weekend appena alle spalle avrebbe dato indicazioni importanti per le sorti del campionato, sia in chiave scudetto che riguardo la salvezza. Se verdetti clamorosi, o fughe decisive non se ne sono viste, la 28° giornata ci ha suggerito cosa attenderci da qui al 13 Maggio, giorno conclusivo della serie A.

In primo luogo, il duello Milan-Juve proseguirà fino all’ultima goccia di sudore: l’impressionante vittoria degli uomini di Conte al Franchi di Firenze certifica la maturazione di una squadra capace di giocare bene (e con personalità) le sfide che contano e mette in risalto una condizione atletica strepitosa che potrà fare la differenza da qui alla fine. Dalle parti di Vinovo non c’è alcuna voglia di abdicare anzitempo, consegnando al Milan un facile tricolore. Gli uomini di Allegri, con il cinismo tipico delle grandi, hanno vinto a Parma grazie al duo scuola Ajax, Ibra-Emanuelson: l’incongnita che si aggira a Milanello riguarda il recupero degli infortunati, che rischia di diventare un fattore decisivo, soprattutto considerando il doppio impegno Champions del Milan tra la fine di questo mese e l’inizio del prossimo, quando in una settimana i rossoneri affronteranno due volte la squadra più forte del mondo, con un dispendio di energie fisiche e mentali, il cui impatto sulla corsa scudetto non è da sottovalutare, sebbene certe squadre e certi giocatori siano abituati (o predisposti) a ricaricarsi in fretta.

In secondo luogo, la giornata che si concluderà stasera con Roma-Genoa, ci ha detto che il Lecce non ha sfruttato una grande occasione per agganciarsi al treno salvezza, impattando tra le mura amiche con il Palermo un match che era iniziato sotto ottimi auspici. E però, a quanti credono che questa chance sprecata sia già fatale, attenzione: cinque punti a dieci giornate dalla fine sono pochi, soprattutto se si valuta che, e non me ne vogliano i suoi tifosi, che c’è una squadra che ricorda da vicino la Samp dello scorso anno: la Fiorentina, umiliata sabato sera dalla rivale storica dentro uno stadio che all’inizio ribolliva di passione e che invece dopo novanta minuti disastrosi ha sfogato avvilito la sua frustrazione. Ribadisco il concetto che la Fiorentina non ha uomini da battaglia, e perciò, o si sottrae in tempo alla battaglia, o ci sono molte probabilità che soccomba. Anche per il Parma di Donadoni vale un po’lo stesso discorso, ma continuo a ritenere più pericolosa la situazione dei viola.

 

La settimana che ci ha preceduto è stata anche la settimana delle gare di ritorno degli ottavi di Champions ed Europa League: pessima la figura dell’Inter (e non è una novità in questa stagione, ieri ennesimo flop con lo zero a zero in casa con l’Atalanta) vittoriosa al Meazza, ma eliminata da un Marsiglia più che mediocre per competere a certi livelli; al di sotto delle attese quella del Napoli, tradita, prim’ancora che dal capro espiatorio Aronica, dal trio Hamsik-Lavezzi-Cavani; l’Udinese, in vantaggio di due gol dopo 15’ (e quindi avendo ristabilito immediatamente la parità con la gara d’andata) è stata estromessa dall’Europa ad opera dell’AZ Alkmar, capace di segnare con un uomo in meno (gli olandesi hanno fallito anche un rigore poi). Se a tutto cio’ si aggiunge un Milan sì qualificato ai quarti, ma sonoramente sconfitto dall’Arsenal sette giorni prima, il quadro per il calcio italiano è a tinte fosche. Nel pallone le cose cambiano in fretta, è vero, ma ancor più vero credo sia il fatto che certi trend sono indicativi più di una rondine che, come si sa, non fa primavera.

Bisogna avere il coraggio di guardare le cose in faccia per quelle che sono, e non illudersi tentando di nascondere a se stessi la realtà, altrimenti il conto da pagare continuerà ad essere salato.

L’astrolabio è a cura di Andrea Salvini 

Redazione Sportiva

post di questa categoria

Dipartimento di Giurisprudenza Unipi

Giurisprudenza cambia ...

Giurisprudenza cambia verso: variano distribuzione esami e tirocinio

Pixel 45 giri

45 giri in Gipsoteca &...

45 giri in Gipsoteca – serata conclusiva

"il cervello e la mente" - conferenza divulgativa @Gipsoteca Unipi

Il cervello e la mente...

Il cervello e la mente – intervista ad Alberto Del Guerra

Pixel a 45 giri - Gipsoteca di Arte Antica dell'Università di Pisa

Pixel a 45 giri –...

Pixel a 45 giri – Gipsoteca di Arte Antica #Unipi

ultimi post caricati

ATP (17)

eventi in Toscana week...

eventi in Toscana weekend: Pollege Festival e altro ancora | ATP #92

Musica W 2017 - Manifesto

Musica W Festival 2017...

Musica W Festival 2017 – TUTTE LE INFO

ATP (16)

eventi in Toscana: Mus...

eventi in Toscana: Music W Festival e non solo | ATP #91

Copy of Copy of ON POINT (9)

Demography #218 –...

Demography #218 – Mixtape | Da Actress a Clap! Clap!

Commenti