Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Star Wars VII: Il Risveglio della Forza, il nuovo vecchio capitolo

bc9euswh4d6uoidficq8

Devo essere sincero: ci sono andato con i piedi di piombo a vedere questo settimo capitolo di Star Wars. Sarà perché la seconda trilogia aveva peccato dal punto di vista narrativo-registico (non sto dicendo che fu brutta sia chiaro, ma personalmente la ritengo deludente), sarà perché più dilunghi una saga cinematografica più aumenta la possibilità che possa venir fuori il flop.

Una paura che deve aver avuto anche il buon J.J. Abrams, il quale non ha personalizzato più di tanto la regia di questo settimo capitolo di Star Wars. Si potrebbe dire che ha fatto il classico “compitino”. Ma d’altronde ci sta. Probabilmente avrei fatto anche io così e, alla fine, è stata la cosa migliore. Una politica di mantenimento degli stili originali per un film che non aveva bisogno di nessun stravolgimento registico-narrativo. Sicuramente l’influenza di Lawrence Kasdan (sceneggiatore dei capitoli “L’impero colpisce ancora” e “Il ritorno dello Jedi) si è fatta sentire. La mano di Abrams (così come quella della Disney) risiede sopratutto nelle sequenze ironiche che stanno all’interno del film e che tirano fuori più di un sorriso. Sopratutto con la nuova figura (in tutti in sensi) di Finn. 

Puntando tutto su una sorta di remake mascherato (possiamo chiamarlo tranquillamente così) del capitolo del 1977 “Una Nuova Speranza” e sull’effetto nostalgia che inevitabilmente sale – a partire dal tradizione incipit “Tanto tempo fa in una galassia lontana lontana…” fino alle apparizioni dei vari Han Solo (Harrison Ford), Millennium Falcon, Chewbacca, R2D2, ecc. – il film alla fine funziona, supportato da una recitazione di livello e da effetti speciali veramente “spaziali”. Star Wars VII soddisfa il fan e incuriosisce nelle sue novità, anche in quelle che non convincono molto (ogni riferimento dal personaggio di Adam Driver/Kylo Ren è puramente casuale), aumentando l’attesa per l’uscita nel 2017 di Star Wars VIII (lo ammetto, sono uno di quelli), che dovrà rispondere a molte domande. Se le poche ma belle scene d’azione sono state una mossa vincente per non rendere troppo confusionaria la storia, desta più di una perplessità la mancanza totale di quella filosofia che risiedeva nel primo Star Wars, quel quid che lo rendeva speciale (forse anche per l’assenza di una figura come Yoda per intenderci). Mi aspetto che tale elemento venga reinserito nell’ottavo episodio di Star Wars, che sarà cruciale e illustrativo su alcune delle origini dei nuovi personaggi, specialmente sulla figura nuova ed enigmatica di Rey (Daisy Ridley).

Per la prima volta nella storia di Star Wars si è voluto dare il ruolo di protagonista ad una ragazza con ottimi risultati. Risultati che non sono stati altrettanto buoni per la figura di Kylo Ren, inizialmente spietato ma destinato a sgonfiarsi fino ai confini della goffaggine. Un po’ come credere di incontrare Pasolini e poi ti appare Federico Moccia. Insomma, ci rimani male. Fortunatamente a far ben sperare sulla questione Kylo Ren (che secondo me diverrà spietatissimo) ci sono le parole di Snoke (Andy Serkis), nuovo leader supremo del Lato Oscuro della Forza (sì, lo so, pure io credevo di veder apparire Licio Gelli).

Tra tanta nostalgia è stato difficile individuare gli indizi all’interno del film che possono dirci di più sui possibili sviluppi delle vicende che seguiranno questo capitolo. Indizi che sono stati inseriti su più livelli, passando dalle immagini ed incontri veri e propri fino ai più sofisticati campi vocali. Chissà a quali spiegazioni ci porteranno? (io ho le mie idee e me le tengo strette). Per le risposte che cerchiamo non resta che attendere il 2017 per un secondo episodio di cui non sappiamo ancora nemmeno il nome. L’unica cosa certa è che sarà diretta da Rian Johnson (per sapere di più sul regista qui)già regista di Looper.

Giacomo Corsetti

@giacomocorsetti

P.s Ah scusate, dimenticavo: Che la Forza sia con voi! (sì lo so, banale e scontato ma se non ve lo dicevo mi sentivo male).

 

 

 

 

 

post di questa categoria

show_img

T.R.A.me Indipendenti ...

T.R.A.me Indipendenti al Teatro Rossi

Piefrancesco Davigo: "L'Evoluzione della Corruzione"

Piercamillo Davigo all...

Piercamillo Davigo all’unipi: “L’Evoluzione della Corruzione”

20170421_182407

Gabriele del Grande li...

Gabriele del Grande libero subito!

ATP

eventi in Toscana: Si...

eventi in Toscana: SickTamburo live e molti altri| ATP #76

ultimi post caricati

Presidenziali FR

Presidenziali francesi...

Presidenziali francesi – Una settimana in un clic! – Speciale

bruce harper dauwd

Bruce Harper – D...

Bruce Harper – Dauwd | Demography #197

ATP (1)

Eventi in Toscana: Dep...

Eventi in Toscana: Deposito Pontecorvo, Surfer Joe e altro| Atp #77

wasbridge council

Wasbridge Council R...

Wasbridge Council – Mixtape – Demography #196

Commenti