Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Suzanne Vega – Joan As Police Woman and Benjamin Lazar Davis | Demography #142

Che ci crediate o no, tra qualche giorno è settembre, quel meraviglioso mese in cui il mare è più bello, le spiagge semi deserte diventano ancora più paradisiache, e gli studenti riprendono la loro abbronzatura al neon. Per fortuna c’è sempre Demography ad allietare questo scenario apocalittico, e lo fa con nomi di un certo peso quali Suzanne Vega e Joan As Police Woman.

Per chi non la conoscesse, Suzanne Vega è una cantautrice statunitense, con una lunga carriera alle spalle. Due anni dopo la pubblicazione di Tales from the Realm of the Queens of Pentacles, torna con un album tutto nuovo. La cantautrice folk è tornata con un lavoro dedicato alla scrittrice Carson McCullers, conosciuta per libri come La Ballata del Caffè Triste, e Riflessi in un Occhio d’Oro. La scrittrice ebbe una vita travagliata da malattie fisiche e psichiche. Suzanne Vega riprende questo modello di donna in quanto moderna per i suoi tempi, e tutt’ora attuale. Lover, Beloved: Songs From An Evening With Carson McCullers è il titolo del nuovo album della Vega, la maggior parte dei testi sono stati scritti a quattro mani con un amico di vecchia data, Duncan Sheik, uomo di teatro. Il singolo che anticipa il disco We Of Me, può essere considerata una ballad folk, in cui predomina la sua voce elegante e per niente sporca. Un bel pezzo per la cantastorie folk, che ritorna dopo anni con un lavoro che vale la pena di ascoltare.

Passiamo a un’altra grande voce del panorama internazionale, Joan As Police Woman. In coppia con Benjamin Lazar Davis, entrambi gli autori sono conosciuti per la versatilità grazie alla quale si sono cimentati in diversi generi. Joan non è estranea alle collaborazioni con altri musicisti, ha lavorato con artisti del calibro di Anohni (ex Antony) e Lou ReedLet It Be You è la nuova fatica della polistrumentista, con la quale ripercorrerà un decennio di carriera. A lanciare il disco di Joan è il singolo Broke Me In Two, pezzo che nasce dalla passione che sia Joan, sia Benjamin nutrono per la musica africana. Entrambi hanno affrontato viaggi per conoscere meglio questo universo musicale, in particolare quello della musica dei pigmei. Il sound non è etnico, anzi. Il nuovo pezzo di Joan As Police Woman è deliziosamente pop, orecchiabile, con la voce di Joan che predomina incontrastata. È il singolo estivo di un certo tono uscito forse un po’ troppo tardi, ma che rende curiosa la sottoscritta e penso tanti altri riguardo il nuovo album di Joan, che fra l’altro sarà in tour anche in Italia a novembre, insieme a Benjamin Lazar Davis e a una full band, con la quale festeggerà dieci anni di musica poliedrica.

post di questa categoria

C'era_una_volta_in_America

Canova @ Metarock Pisa...

Canova @ Metarock Pisa ( report + intervista)

in-questo-angolo-di-mondo-anime-nexo-digital-14

In questo angolo di mo...

In questo angolo di mondo, arriva nelle sale italiane

ATP (22)

eventi in Toscana: Rol...

eventi in Toscana: Rolling Stones, C2C e molto altro|ATP#97

ibey

Demography #223 | Ibey...

Demography #223 | Ibeyi, Kelela, Four Tet

ultimi post caricati

21765841_1461801023868200_4469297682932639072_o

Mindscience of Reality...

Mindscience of Reality ospita il Dalai Lama

andrea-bocelli-cieco

Bocelli al “Robo...

Bocelli al “Robotics Pisa 2017″

disabilità

Riabilitazione Robotic...

Riabilitazione Robotica e disabilità

21369202_1459686247455704_2765862834516775347_n

“I robot sono (già)...

“I robot sono (già) tra noi” alla Stazione Leopolda

Commenti