Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Trash movie

I “Trash-movie” sono tutti quei film brutti e assurdi, girati e recitati malissimo, che nessuno si metterebbe a vedere mai. Generalmente sono chiamati B movie ma è un termine riduttivo. Quando arrivi a divertirti smodatamente guardando questa roba, facendo lunghe ricerche e collezionando i titoli più famosi, allora significa che qualcosa si è rotto nell’occhio di uno spettatore. Dev’essere successo a molti perché il Trash è diventato un genere di culto e ha fatto la fortuna di alcune case di produzione specializzate, tipo Troma e Asylum, nonché quella di alcuni vlogger dalla dubbia simpatia (Yotobi).
Ve ne propongo alcuni, tutti molto divertenti e famosi, alcuni così surreali e assurdi da rasentare la genialità.
Come dicono negli USA: «so bad, it’s so good».

Alex l’ariete – è un esempio lampante di film di serie B all’italiana. È preoccupante il fatto che sia involontariamente trash, cioè girato con intenti seri. Da un regista che sembra uscito da un trailer di Maccio Capatonda, del resto, non ci si può aspettare nulla di più; sto parlando di Damiano Damiani, che annovera nella sua carriera titoli del calibro di: Pizza connection, Un genio, due compari e un pollo e Amityville Possession. Su Youtube Alex l’ariete è diventato praticamente virale, soprattutto per le recitazioni dei due protagonisti, Alberto Tomba e Michelle Hunziker, che bucano lo schermo, in tutti i sensi.

Hobo with a Shotgun – Ero indeciso se inserirlo o meno, perché sì è demenziale, è assurdo, ma non è brutto. È uno splatter (genere che approfondiremo prossimamente) recente, dichiaratamente trash ma stilisticamente accattivante. Stupisce la presenza di Rutger Hauer (ma non troppo, data la quantità di spazzatura in cui è apparso), che si presta alla perfezione per il ruolo del protagonista: un barbone armato di fucile. Il regista ha anche diretto un corto natalizio che amo:

Toxic Avenger, il vendicatore tossico – Non posso non citare la serie celeberrima che è diventata simbolo della Troma. Questa è proprio spazzatura. Volgare, brutto, squallido, politicamente scorretto e completamente no-sense. Consiglio la visione del quarto film che guarda caso si trova facilmente su Youtube:

The Killer Condom – Trash noir tedesco; una perla difficilmente reperibile in lingua italiana. Dovreste averlo capito: il film parla di preservativi assassini. Il protagonista è il detective gay superdotato Luigi Mackeroni. Non aggiungo altro. Se non avete grossi problemi coll’inglese potete guardarlo su Vimeo:

Bitch Slap, le Superdotate – Mi stavo quasi per dimenticare di questo capolavoro. Mi ha shockato la presenza di Iolao, l’eroe della mia infanzia, che qui fa il pappone tra coca e puttane. Ci sono anche dei brevi cameo di Hercules e di Xena; del resto il regista è lo stesso che ha diretto i celeberrimi telefilm riproposti all’infinito su Italia1. Non so, questo film ha un fascino lurido e volgare che lo rende bellissimo. Non riesco nemmeno a pronunciarmi sulla realizzazione tecnica, a tratti raccapricciante, a tratti geniale. Credo che a suon di guardare questa roba, le mie capacità di giudizio siano irrimediabilmente compromesse. Boh, giudicate voi:

Sono costretto a terminare qui per motivi di spazio. La prossima volta parlerò di Splatter movie.

Stay Trash.

Francesco Casini per Cinerubric

post di questa categoria

atp

Eventi della settimana...

Eventi della settimana: SenzaFiloMusicContest, Pisa Vintage e molto altro | atp #106

D34_8395

Voce Clandestina: la v...

Voce Clandestina: la voce del Teatro dell’ Assedio

bug

Demography #239 | Bug ...

Demography #239 | Bug Mixtape

TOPY

IL TRONO DI SOTTOCULTU...

IL TRONO DI SOTTOCULTURE #1: TOPY

ultimi post caricati

Il caso Berlusconi

Una settimana in un cl...

Una settimana in un clic! – Berlusconi

cof

Parola di Donna –...

Parola di Donna – Voci femminili a confronto

Il caffè

Caffè: quattro regole...

Caffè: quattro regole fondamentali secondo la scienza – Enjoy The Science – Rubrica scientifica di Radioeco

o-POSTINO-facebook

Il Postino, 8 minuti d...

Il Postino, 8 minuti di backstage in anteprima mondiale

Commenti