Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

VECCHI: “IL CASO DAVID ROSSI. IL SUICIDIO IMPERFETTO DEL MANAGER MONTE PASCHI DI SIENA”

david rossi - Immagine presa da Corriere.it

david rossi – Immagine presa da Corriere.it

Oggi alle 18 presso la Gipsoteca di Arte Antica dell’Università di Pisa Davide Vecchi, giornalista de Il Fatto Quotidiano, presenterà il suo ultimo libro dedicato alla morte di David Rossi, manager Mps, circondato da fatti inquietanti che porterebbero a pensare che, a differenza di quanto affermato dagli inquirenti, non si tratti di un suicidio.

Se non ci fossero nomi e cognomi si potrebbe tranquillamente pensare che si tratti di un giallo. Si parte dall’acquisizione di una banca da parte di un’altra banca nel 2007 e si finisce con un suicidio. Un suicidio imperfetto. Stiamo parlando della storia di David Rossi, 51 anni, responsabile dell’area comunicazione di Banca dei Monte dei Paschi di Siena, morto a Siena il 6 marzo 2013 in circostanze a dir poco sospette. Gli inquirenti lo hanno definito un suicidio ma ci sono elementi che fanno pensare a tutto tranne che ad un suicidio ed è ciò di cui parlerà oggi 10 novembre Davide Vecchi, giornalista de Il Fatto Quotidiano, presso la Gipsoteca di Arte Antica dell’Università di Pisa a partire dalle 18. Vecchi, infatti, si è dedicato a questo caso per il quale ha scritto il libro, che verrà presentato in occasione dell’evento, “Il Caso David Rossi. Il suicidio imperfetto del manager Monte Paschi di Siena” edito da Chiarelettere.

Davide Vecchi - Immagine presa da futuroquotidiano.com

Davide Vecchi – Immagine presa da futuroquotidiano.com

Insieme a Tommaso Strambi, Direttore de La Nazione di Pisa, e Giorgio Meletti, altra firma de Il Fatto Quotidiano, Vecchi proverà a spiegare le incongruenze che contraddistinguono il caso, ad esempio per quale motivo, come documentato da un video, Rossi si sarebbe “suicidato” lanciandosi dalla finestra del proprio ufficio e, incredibilmente, il suo orologio sarebbe caduto solamente dopo alcuni minuti. Oppure c’è quel biglietto scritto per la moglie in cui Rossi annuncia la propria intenzione di suicidarsi e in questa circostanza Rossi chiama la moglie “Toni” ma la moglie, pur riconoscendo la grafia, ha affermato che suo marito non l’ha mai chiamata con questo appellativo, quindi siamo sicuri di dover escludere che non sia stato costretto a scrivere quel biglietto? Per giunta non è trascurabile il fatto che Rossi, come testimoniato da mail, avesse deciso di parlare con i p.m. ma per dire cosa? Rossi era amico e stretto collaboratore di Mussari, quel Mussari che nel 2007, all’epoca presidente della banca, aveva deciso di acquistare Banca Antonveneta a 9 miliardi di euro e da quel momento Mps ha cominciato a vivere una crisi che ancora non è terminata. Cosa ci fosse dietro quell’operazione rimane ancora un mistero e Rossi di quell’operazione sapeva molto, forse anche troppo. Nella speranza che parlandone possa farsi luce su quello che è uno dei casi più oscuri e aberranti della storia recente italiana, rinnoviamo l’appuntamento per l’evento che si svolgerà questo pomeriggio.

Farouk Perrone per RadioEco

post di questa categoria

Renzusconi, di Andrea Scanzi

Renzusconi, lo spettac...

Renzusconi, lo spettacolo di Andrea Scanzi @Teatro Goldoni

DSC_3612 copy

Le Avventure di Numero...

Le Avventure di Numero Primo @TeatroEra

dunk a livorno

eventi in Toscana: DUN...

eventi in Toscana: DUNK a Livorno, Dug Engine a Pisa e tanti altri| ATP #117

AMORE - Foto di Andrea Spinelli

AMORE – Compagni...

AMORE – Compagnia Scimone Sframeli @TeatroEra

ultimi post caricati

we out here

We Out Here | Demograp...

We Out Here | Demography #258

social network

Social network: non li...

Social network: non li ho usati per un mese e sono ancora viva

Greg e Tommy alla prima di The Room

The Disaster Artist, l...

The Disaster Artist, la recensione del film di James Franco

vasetti di melanzane

Vasetti di Melanzane

Vasetti di Melanzane

Commenti