Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Walter Quattrociocchi al Museo degli strumenti del calcolo

walter quattrociocchi

Walter Quattrociocchi,” L’era della credulità. La dinamica della diffusione delle informazioni false nei social media “, la conferenza al Museo degli Strumenti del Calcolo

Walter  Quattrociocchi del CSSLab dell’ IMT di Lucca ha tenuto lo scorso venerdì al Museo degli Strumenti per il Calcolo, la conferenza dal titolo L’era della credulità. La dinamica della diffusione delle informazioni false nei social media. L’incontro è da inserirsi nel ciclo Venerdì al Museo  promosso dal Museo degli Strumenti per il calcolo.

Il focus della conferenza è stata la tematica attuale della diffusione delle informazioni false attraverso lo strumento dei social media, giacchè  la nostra quotidianità risulta essere sempre più interconnessa e i rapporti interpersonali influenzati da like, share, condivisioni e applicazioni di chat.

Walter Quattrociocchi  si è interrogato in modo particolare circa l’utilità o meno di smentire le presunte bufale da parte della comunità scientifica e ci ha spiegato di come, in compagnia di  un team di altri ricercatori, ha studiato  le reazione di due gruppi di utenti di Facebook rispetto alle notizie che gli comparivano davanti. 

Nel primo gruppo c’erano persone abituate a leggere su Facebook notizie  di rispettabili riviste scientifiche, mentre nel secondo, persone che preferivano contenuti di altro tipo, ad esempio pagine contro i vaccini, quelle che vedono complotti un po’ ovunque, quelle che parlano degli “Illuminati” e cosi’ via.

Walter Quattrociocchi ci ha informato che lo studio giunse a due importanti conclusioni: i due gruppi non si sovrapponevano mai e inoltre quando i “disinformati” incontravano notizie che smontavano e spiegavano le bugie che avevano letto, non cambiavano comunque opinione, anzi erano ancora più propensi a commentare e a far aumentare i like alle notizie a favore di quella teoria.

Walter Quattrociocchi ha commentato tali risultati sostenendo come questo effetto sia correlato all’eco mediatico di certe notizie. 

I social offrono l’opportunità alle persone di modellare quello che leggono in base ai loro gusti. In tal modo quegli individui sono sempre più esposti ad aggiornamenti conformi a quello in cui credono e contraddistinti spesso da analfabetismo funzionale e sfiducia nelle istituzioni.

Insomma, che si faccia o non si faccia debunking, ossia opera di correzione alle bufale, cambia poco. Le bufale continuano ad esserci e, anzi, si diffondono ancora di più.

Questa problematica è accentuata dalla grande quantità di informazioni disponibili su internet e dal ritmo al quale escono nuove informazioni. Più sono attivo all’interno di questi gruppi, più l’informazione si esaspera. Ogni qualvolta ci sono i dibattiti questi scadono spesso nella maleducazione e nell’eccesso. Ci sono all’attivo degli studi riguardanti la prospettiva psicologica narcisistica di questi individui. Prospettiva che contraddistingue allo stesso modo entrambi i gruppi. 

Una possibilità di uscire dall’universo della falsa informazione in ogni caso esisterebbe per Walter Quattrocciocchi:

Le posizioni assolute non vanno mai bene.Si dovrebbe rinunciare alla presunzione di possedere la conoscenza assoluta e totale. Nessuno è un vate: ci vuole umiltà. Solo così forse potrebbe diminuire la quantità di “disinformati” così come quella di professoroni bullizzanti. Nessuna delle due categorie depone a favore della corretta informazione.

 Photo by lanazione.it

post di questa categoria

Piefrancesco Davigo: "L'Evoluzione della Corruzione"

Piercamillo Davigo all...

Piercamillo Davigo all’unipi: “L’Evoluzione della Corruzione”

Una settimana in un clic! - Terrorismo

Una settimana in un cl...

Una settimana in un clic! – Terrorismo

Westminster

Terrore a Westminster:...

Terrore a Westminster: Isis rivendica attacco

Aiesec

AIESEC arriva a Pisa &...

AIESEC arriva a Pisa – Spazio ai Giovani!

ultimi post caricati

risotto viola

Risotto Viola alla Mel...

Risotto Viola alla Mela e Limone

Press conference- Marquez, Rossi e Viñales - MotoGP.com

Rossi “sei” primo!...

Rossi “sei” primo! La febbre delle due ruote

Itaca exwide (2)

Itaca – L’...

Itaca – L’amore è tornato in città – “itaca mi manchi” release party @ Ex Wide [live report]

20170421_182407

Gabriele del Grande li...

Gabriele del Grande libero subito!

Commenti