Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Where the Water tastes like Wine

Where the Water tastes like Wine, il primo fra i videogiochi sottovalutati consigliati dal team nerd di RadioEco #Nerdeco 41

Where the Water tastes like Wine è il primo di questa serie di “sottovalutati“.

In questo spazio parleremo di videogiochi eccessivamente criticati, o che meriterebbero più popolarità, per potervi così far scoprire qualche tesoro nascosto. Tutti questi giochi sono acquistabili su piattaforme digitali e, visto il Black Friday, sempre più vicino, vi ricordiamo un nostro articolo che fornisce una comoda lista di tutti i siti a cui potervi appoggiare per acquisti sicuri.

Il primo titolo su cui vorremmo concentrarci Where the Water tastes like Wine (‘Quando l’acqua ha il sapore del vino’) è un gioco d’avventura a base narrativa prodotto dalla Good Shepherd Entertainment. La trama è particolarmente semplice: il tuo personaggio è nel bel mezzo di una partita di Poker e, tentato dalla posta in palio, decide (una volta perso tutto) di mettere in palio la propria anima. Ovviamente perde e, l’apparente puntata astratta, si concretizza in un patto con il Diavolo con cui il Personaggio principale ha giocato inconsapevolmente a carte per tutto quel lasso di tempo. Lo Scrittore, (perché questo è il mestiere del protagonista) deve quindi servire il volere del Signore Oscuro e, per suo volere, viaggiare in giro per l’ America durante la Grande Depressione, con lo scopo di  riportare quante più testimonianze possibili e diffonderle per gli Stati Uniti.

A questo punto sarete sicuramente invogliati a conoscere dove questo primo articolo dei “videogiochi sottovalutati”  vuole farvi puntare lo sguardo.

In primis è necessario parlare del sistema di gioco. Quando si parla di un’ avventura narrativa infatti, non bisogna fermarsi alla semplice idea di un sistema di gioco orientato sullo sviluppo di una singola trama (come ad esempio in Heavy Rain e tutti gli altri giochi d’investigazione), quanto sull’ esplorazione narrativa.

In questo videogioco il vostro ruolo sarà non solo, quello di saper resistere al viaggio, (evitando che manchi il cibo, l’acqua e un luogo in cui dormire), ma anche di saper gestire gli spostamenti sia a piedi che via treno (per il quale vi servirà il denaro). Ogni tappa può sbloccare una storia diversa da collezionare e scrivere. La chicca? Ogni incontro che riporterete su carta vi farà ottenere una storia breve scritta sempre da un autore professionista diverso e considerando che queste vignette all’ aggiornamento di Giugno erano più di 215, dovreste immaginare quanto lavoro scrittorio deve esserci dietro!

Vi sembra ancora troppo poco?

Parliamo di graficaWhere the Water tastes like Wine. ha ricevuto commenti negativi in merito alla mappa in 3D che compare al momento dello spostamento.

When the Water Tastes Like Wine, screenshot ufficiale - Menù di Spostamento

When the Water Tastes Like Wine, screenshot ufficiale – Menù di Spostamento

Certo, sicuramente un lavoro grezzo rispetto ai prodotti che gli editori di massa ci offrono, ma non per questo bisogna fermarsi alla prima impressione. L’80% del gioco, infatti, viene vissuto attraverso splendide litografie e illustrazioni originali del maestro Kellan Jett, reso noto per l’essere l’ autore di buona parte delle grafiche di Cards Against Humanity.

Where the Water tastes like Wine, screenshot ufficiale, il Diavolo al tavolo da Poker

Where the Water tastes like Wine, screenshot ufficiale, il Diavolo al tavolo da Poker

Questo stile suggestivo, viene accompagnato da musica appositamente composta per il gioco, seguendo non solo gli stili in voga negli Stati Uniti duranti gli anni ’30 per rimanere fedeli all’ambientazione (jazz, country, soul, etc..), ma tenendo anche conto di dove il tuo personaggio si trovi, così da rendere meglio l’atmosfera. Insomma parliamo di musica e illustrazioni suggestive originali e storie scritte da professionisti, ognuna con uno stile diverso e con contenuti che -se diffusi correttamente- cambieranno automaticamente nel tempo. E’ come poter assistere alla nascita di una raccolta di storie brevi e vedere come questa nel tempo venga interpretata da chi la legge.

Insomma Where the Water tastes like Wine è un gioco che può offrire molto ed è sempre in aggiornamento, offrendovi un’ esplorazione pressocché infinita. Speriamo che in futuro gli sviluppatori tentino un secondo progetto, ma con più attenzione per la pubblicizzazione.

Jasmine El Kaabi per NerdEco

post di questa categoria

Davide Petrella

Il lunapark musicale d...

Il lunapark musicale di Davide Petrella

am music

A tutta musica: tre me...

A tutta musica: tre mesi di Amazon music a 0,99€ – Tutto il tech della settimana #2

collisions

Collisions live per Ro...

Collisions live per Ronzii Festival @Lumiere, Pisa

Maisha

Maisha, Mulai, Gimlii ...

Maisha, Mulai, Gimlii | Demography #305

ultimi post caricati

4362142973_41e74dbc81_b

Aggiornare il corso di...

Aggiornare il corso di comunicazione L-20? Capiamo la nuova proposta

foto di Cinema Arsenale

“Il ragazzo più...

“Il ragazzo più felice del mondo” – Intervista a Gipi

naip

NAIP + Baby Dee @Lumie...

NAIP + Baby Dee @Lumiere [ report e intervista ]

palazzo-blu

Palazzo Blu compie 10 ...

Palazzo Blu compie 10 anni: aperture serali, dialoghi d’arte e musica in città

Commenti